Storia

Il Centro interdipartimentale di Studi Regionali “Giorgio Lago” è stato istituito nel 2006 con la partecipazione dei quattro dipartimenti dell’Ateneo patavino: Scienze economiche, Sociologia, Storia, Studi storici e politici.

Il Centro è intitolato alla figura del giornalista che fu per dodici anni direttore de “Il Gazzettino” e successivamente editorialista di “Repubblica” e delle testate nordestine del Gruppo “L’Espresso”, scomparso nel 2005.

Nato come Centro di Ricerca e Servizi, è stato diretto dal 2016 al 2013, dal Prof Gianni Ricamboni.

Dal luglio 2013 il Centro è diretto dalla Prof.ssa Patrizia Messina afferente al Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali.

Sempre nello stesso anno, con il nuovo statuto dell’Ateno, il Centro è stato rinnovato come Centro di Ricerca sul Nordest – CIRN con l’appoggio di 5 dipartimenti dell’Ateneo, Scienze politiche, Giuridiche e Studi Internazionali (SPGI), Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell’Antichità (DISSGeA), Dipartimento di Ingegneria Industriale (DII), Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali “Marco Fanno” Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA).

Nel 2017 il Centro viene rinnovato cambiando nome in CISR – Centro Interdipartimentale di Studi Regionali “Giorgio Lago”.

Il Centro, rappresenta un network accademico interdisciplinare che, oltre a svolgere una propria attività di studi e approfondimenti, offre anche una funzione di raccordo e razionalizzazione tra le varie realtà che si occupano di ricerca applicata con lo scopo di realizzare una rete che possa portare avanti una riflessione integrata sui cambiamenti strutturali del territorio regionale.